5 Modi per Assumere la Cannabis

Quando si parla di Cannabis, la prima cosa che generalmente (e forse anche purtroppo) viene in mente è la classica canna, spinello, pipa et similia. In realtà i modi salutari ed efficaci per trarre beneficio da questa pianta sono ben altri e davvero tanti.

Per il momento eccone qui 5 di base:

  1. Vaporizzatore – permettono di riscaldare le erbe alla temperatura appropriata senza però comportare i rischi per la salute associati al fumo. Ci sono diversi tipi di vaporizzatori; i più comuni sono quelli a “sigaretta elettronica” che permettono di riscaldare l’olio di CBD concentrato e inalarlo sotto forma di vapore. Altri invece sono fatti per altri prodotti a base di CBD, come le cere o i cristalli. Il vaporizzatore che noi consigliamo però è quello un po’ più simile all’aerosol o al narghilè se volete, poiché questi consentono di riscaldare ad una temperatura ben definita la Cannabis seccata direttamente, senza dover ricorrere necessariamente ai suoi estratti.
  2. Tintura Madre – è l’estratto liquido della Cannabis che si ricava mettendo le parti della pianta sotto alcol al 98%. Il vantaggio della tintura consiste nel fatto che le dosi sufficienti sono molto piccole (due- tre gocce) e, prendendola sotto la lingua, fa effetto in una decina di minuti.
  3. Olio – gli oli sono una buona via di mezzo tra estratti e alimenti alla Cannabis. Questi possono essere ingeriti oppure venire messi all’interno di capsule che permettono quindi di prenderli come pastiglie. I più comuni sono quelli che contengono CBD in percentuale dal 10 al 99%.
  4. Alimenti – le modalità per bere o mangiare diverse parti della Cannabis con rispettivi differenti benefici sono davvero moltissime. I semi della pianta si possono mangiare crudi, frullare con dell’acqua per ottenerne il latte o mettere in moltissime pietanze. Se invece si vogliono “attivare” i principi attivi contenuti della pianta, bisogna decarbossilare o comunque sottoporne al calore le sommità e le foglie, dove appunto sono contenuti i tanto preziosi acidi cannabinoidi, e utilizzare un grasso (animale o vegetale), che permette ai principi attivi di “venire fuori” per davvero e quindi di godere dei benefici terapeutici della pianta. La Tisana è una delle forme per assumere in modo del tutto naturale tutti questi principi e, essendo facilmente digeribile, fa effetto entro un tempo relativamente breve. Si possono poi preparare olio e burro (Cannabutter) “aromatizzati” alla Cannabis. Con questi due ingredienti base si possono fare frullati, torte, pizze, pancakes, sciroppi… insomma un sacco di cibi buonissimi di cui pian piano pubblicheremo le ricette.
  5. Applicazioni topiche – con la Cannabis si fanno una serie di cosmetici, creme ed unguenti, ciascuno con diversi benefici a seconda del contenuto e dei metodi di preparazione. Se la Cannabis è stata decarbossilata, i suoi principi attivi vengono assorbiti attraverso la pelle. Le pomate che ne derivano vengono utilizzate per alleviare dolori locali, aiutare nella cura dell’acne e di alcune malattie della pelle quali ad esempio la psoriasi.

Fonti:

https://www.leafly.com/news/cannabis-101/the-complete-list-of-cannabis-delivery-methods

www.musondimezzo.it

Facebook: Muson di Mezzo Mail: info@musondimezzo.it Telefono: +39 348 41 80 549